Solo la memoria del manifesto cinematografico può in un attimo riattualizzare emozioni vissute